Settembre 2023 Le uscite discografiche

Settembre 2023 Le uscite discografiche

Settimana dal 25 al 30 settembre

image-coming-soon

Data di uscita: 26/09/2023

Kenneth Jimenez, Michaël Attias, Francisco Mela – Caribù

Caribú è una band formata da tre amici, il sassofonista Michaël Attias, il batterista Francisco Mela e il bassista Kenneth Jimenez. Si sono incontrati nell’appartamento di Attias a Manhattan e hanno trovato una connessione attraverso la loro passione per la musica sperimentale. Le loro sessioni di improvvisazione sono state fonte di ispirazione reciproca e hanno creato un’atmosfera positiva lontana dalle difficoltà quotidiane.
Il loro album omonimo, Caribú, è caratterizzato da melodie affascinanti del sassofono, una linea di basso calda, assoli di batteria distintivi e l’apporto unico e appassionato della voce di Mela, che rappresenta una tradizione caraibica. La traccia principale, “Caribu”, presenta una melodia potente seguita dal sax lirico di Attias e dalle morbide linee di basso di Jimenez. Alcuni brani, come “Festejo” e “From Time to Time”, mostrano le inclinazioni sperimentali del trio, che inserisce il loro suono in una tradizione moderna. L’album Caribú sarà disponibile su CD a partire da ottobre 2023.

image-coming-soon

Data di uscita: 29/09/2023

Lori Vambe – Space​-​Time Dreamtime

Di tanto in tanto, trovi musica al di fuori del mainstream commerciale, al di fuori di tutto – la musica dei visionari, degli eccentrici, degli inventori, dei solitari, i custodi di segreti, i cercatori di sentieri. Moondog, Daphne Oram, Harry Partch sono di questa foggia. E così anche Lori Vambe.
Nuovo su Strut, la prima ristampa di sempre degli album originali autoprodotti di Vambe del 1982, Drumland Dreamland e Drumgita Solo. Autodidatta batterista, inventore ed sperimentatore sonoro, Lori Vambe è una figura unica nella musica britannica. Creatore del proprio strumento, il drumgita (pronunciato “drum-guitar”) o cordofono a percussione, Vambe intendeva creare un tipo di musica mai realizzato prima, per cercare l’accesso alla quarta dimensione.

Vambe è nato a Harare, in Zimbabwe, e suo padre, Lawrence Vambe, era un noto giornalista e scrittore zimbabwiano. Trasferitosi a Londra nel 1959, Vambe si è immerso nel movimento delle case occupate di Brixton nei primi anni ’70, imparando da solo a suonare la batteria e creando un gruppo di performance di breve durata, The Healing Drums of Brixton (Vambe, lo scultore Alexander Sokolov e il musicista outsider Michael O’Shea).
In seguito, Vambe ebbe un sogno-visione che coinvolgeva una sensazione di estasi mentre suonava uno strumento sconosciuto che si estendeva dal suo cordone ombelicale; lo strumento si sarebbe manifestato come il drumgita. Nel 1982, produsse privatamente una coppia di registrazioni casalinghe, il diptych set Drumgita Solo e Drumland Dreamland, pubblicandoli sulla sua etichetta Drumony. In queste registrazioni, respinse qualsiasi estetica commerciale e utilizzò effetti di nastro, cambiamenti temporali, suoni invertiti e sovraincisioni per esplorare lo spazio-tempo e accedere alla quarta dimensione.
Combinando batterie stratificate con il pulsare ritmico del drumgita e, su Drumland Dreamland, una performance improvvisata al pianoforte del pianista brasiliano Rafael Dos Santos, gli album sono sia ipnotici che inquietanti.

Entrambi gli album sono stati tagliati ai Portland Studios da Chas Chandler e rappresentano un monumento nascosto della musica sperimentale britannica di origine nera. Originariamente furono stampate 500 copie di ciascun disco, e entrambi furono rilasciati insieme. Gli album non furono mai eseguiti dal vivo.
Per questa prima ristampa di Drumland Drumland e Drumgita Solo, Strut presenta i due album nella loro copertina originale, racchiusi in un astuccio deluxe che include un libretto aggiuntivo da 8 pagine di formato 12″ con foto inedite, note di copertina e un’intervista con Lori Vambe scritta dal giornalista di The Wire, Francis Gooding. Entrambi gli album sono completamente rimasterizzati da The Carvery.

image-coming-soon

Data di uscita: 29/09/2023

fLuXkit Vancouver (i​̶​t​̶​s suite but sacred)

Un manifesto radiante di libertà artistica, fLuXkit Vancouver (la sua suite ma sacra) riunisce una composizione in quattro movimenti scritta ed eseguita da Jones al sassofono contralto, in collaborazione da lungo tempo con Gerald Cleaver alla batteria, e quattro musicisti a corde di Vancouver: i violinisti Jesse Zubot e Josh Zubot, la violoncellista Peggy Lee e il contrabbassista James Meger; con opere d’arte originali di Stan Douglas e note di copertina del poeta Harmony Holiday.

Commissionato da Western Front, un centro artistico dedicato alla sperimentazione multidisciplinare e sede storica dell’avanguardia a Vancouver, Jones ha tratto ispirazione dall’etica dell’arte è vita di Western Front e dal suo lascito di scambi con musicisti creativi come George Lewis e Ornette Coleman.
Composto durante una serie di residenze iniziate nel 2019 e registrato nel giugno 2022 nell’iconica Grand Luxe Hall di Western Front, fLuXkit Vancouver (la sua suite ma sacra) è la prima pubblicazione collaborativa con le etichette Northern Spy di Brooklyn e We Jazz Records di Helsinki.

Il vivace primo movimento dell’album, Fluxus V5T 1S1, rivela un universo compositivo penetrante quanto esteso. Per gli artisti Fluxus, l’arte può esistere ovunque. Ciò può prendere la forma fisica di un fluxkit, una collezione di opere d’arte e oggetti di uso quotidiano racchiusi in un piccolo contenitore o scatola. Sfidando le definizioni e spingendo i confini artistici, chiunque apra un fluxkit può vivere un evento artistico. Jones ci presenta un fluxkit che desideriamo riaprire ancora e ancora.

La copertina di fLuXkit Vancouver è stata realizzata dall’acclamato artista di Vancouver, internazionalmente noto, Stan Douglas. Parte della sua serie DCT (2016 – in corso), Occ6 è un’astrazione dai colori vivaci creata manipolando frequenze, ampiezze e valori cromatici nel punto del processo di digitalizzazione in cui un’immagine fotografica è rappresentata solo da codice. Occ6 ammalia e, allo stesso tempo, offre un linguaggio visivo distaccato dalle nozioni convenzionali della forma d’arte. “Stan ha trovato questo mondo dentro una macchina. È una foto?” chiede Jones. “È un dipinto? Cosa sto guardando? Forse qualcosa che non esiste da nessun’altra parte”.

Anche la musica di fLuXkit Vancouver esiste in una zona intermedia: si tratta di una suite compositiva? È musica sacra? O è semplicemente arte? La partitura di Jones include elementi visivi, una chiave grafica di 25 elementi per le tecniche estese sulle corde, accanto alla tradizionale notazione musicale.
“Ho voluto che i musicisti rispondessero in modo unico a loro, per esplorare la relazione tra ciò che udiamo e ciò che vediamo, dove il suono diventa visivo, emotivo e viscerale.” Questa relazione si può vedere nel secondo movimento Zubot, un elisir terrestre e ritmato, e nel terzo movimento Rainbow, una ballata seducente e affascinante. “La musica ha una qualità cinematografica. Come la Far East Suite di Duke Ellington, ho voluto raccontare una storia su un luogo,” afferma Jones.

Il quarto e ultimo movimento dell’album, Damon & Pythias, segna la metamorfosi di Jones in un pittore sonoro. L’edificio centenario che ospita Western Front era originariamente una loggia fraterna dei Cavalieri di Pitia. Quando Jones è arrivato nel 2019, ha incontrato uno spazio multidisciplinare in cui la pratica artistica era pienamente integrata nella vita quotidiana.
Tra una composizione e l’altra, Jones ha trascorso del tempo con l’artista Fluxus e fondatore di Western Front, Eric Metcalfe, ed ha esplorato il loro archivio storico.
“Sono stato in grado di sedermi e conversare frequentemente con Metcalfe riguardo al perché lui e altri artisti abbiano creato Western Front e come siano stati influenzati da un movimento chiamato Fluxus.
Essere lì mi ha aiutato a ricordare l’importanza dell’arte che esiste insieme, musica accanto a opere d’arte visiva, scrittura e danza, come modo per influenzare il proprio processo e la prospettiva.”

image-coming-soon

Data di uscita: 29/09/2023

Miho Hazama – Beyond Orbits

“Beyond Orbits” è il nuovo album di Miho Hazama, compositrice e direttrice, che celebra il decimo anniversario dell’ensemble M-Unit. L’album testimonia la sua creatività e crescita artistica negli ultimi anni in diverse parti del mondo. Durante la pandemia, Miho si è ispirata alla ricerca sugli esopianeti, creando la “Exoplanet Suite” dopo aver ricevuto una commissione dal Monterey Jazz Festival. L’album, nato dalle sfide recenti, si concentra su questa idea, con movimenti che esplorano le meraviglie degli esopianeti.

Songs from Yesterday - Joshua Espinoza

Data di uscita: 29/09/2023

Songs from Yesterday – Joshua Espinoza
image-coming-soon

Data di uscita: 29/09/2023

Joshua Bruneau – Sayin’ Somethin’

Le note di copertina di questo disco sono state scritte dal noto trombonista americano Steve Davis.
Egli scrive che Joshua Bruneau è un talentuoso trombettista con il quale ha collaborato per circa 17 anni. Descritto come un musicista speciale con un suono profondo e soulful, Josh ha dimostrato sempre una spiccata intuizione musicale.
Le sue note sono piene di sentimento e trasmettono la storia della musica. Il narratore ha suonato innumerevoli concerti insieme a Josh in vari luoghi negli Stati Uniti e Canada, e sperano di suonare insieme anche in Europa e nel sudest asiatico. Hanno anche registrato molte volte insieme. Davis elogia la sessione di registrazione al Rudy Van Gelder Studios nel novembre 2019, in cui Josh ha scelto un repertorio ben pensato, comprendente standard, brani meno noti e composizioni originali.
Descrive l’esperienza come “un vero piacere far parte della band in quella occasione”.
Inoltre, Davis, riconosce le influenze di Josh, tra cui grandi trombettisti come Dizzy Gillespie, Miles Davis e altri, ma sottolinea anche il suo suono distintivo alla tromba e al flicorno. Afferma che, a 35 anni, Josh Bruneau è considerato una delle voci più distintive, vivaci e carismatiche nella scena della tromba di oggi.
Steve Davis prevede che Josh continuerà a offrire musica fresca ed eccitante sia come leader che come membro di varie band anche in futuro.

image-coming-soon

Data di uscita: 30/09/2023

Gabriele Boggio Ferraris Quartet – Change

Il nuovo album CHANGE (2023) segue l’acclamato “Penguin Village” (2015). Uno sguardo jazz moderno sul mondo di oggi, dove il suono della musica si riempie dei rumori provenienti dall’esterno. Il vibrafono dialoga con e con le macchine: elettronica e songwriting sono ormai parti fondamentali di questa eclettica band, premiata nel 2018 come icona del “New Generation Jazz”.
Dopo tre anni di lavoro, ecco finalmente “Change”, un’opera che rappresenta l’idea di evoluzione dell’essere umano. La complessità di crescere e trovare un posto solido in una società moderna e caotica attraverso un romanzo musicale ricco di molteplici influenze.
Dalla musica elettronica al jazz tradizionale, dalle avanguardie moderne al rock sperimentale, “Change” è una trama multiforme di suoni e voci con un solido focus su sua maestà la melodia e la forma della canzone.
Features Gabriele Boggio Ferraris on Vibraphone, Massimiiano Milesi on sax, Alessandro Rossi on Drums and Giacomo Papetti on Bass.
Special guests : Simona Severini and Gaia Mattiuzzi on vocals

image-coming-soon

Data di uscita: —–

——

Ogni riproduzione è vietata senza citare la nostra fonte: Jazz in Family


Scopri di più da Jazz in Family

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un tuo commento

Scopri di più da Jazz in Family

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading