Walhes - Mistura

Walhes – Mistura

Walhes – Mistura (Emme Record Label – 2019)

Release: 7 Febbraio 2019

Lascia il tuo commento per questo disco

CHI SONO?

E’ in situazioni come questa che la nostra passione per il jazz trova uno degli elementi che ci fanno galvanizzare ed approfondire la presentazione di un disco a chi ci segue. Oltre, chiaramente, all’aspetto prettamente musicale e artistico.

Chi ricerca notizie sui “Mistura” può facilmente ritrovarsi con le idee confuse.

Infatti, di band con lo stesso nome c’è ne sono molte in tutto il mondo. C’è anche un altra formazione che propone sempre della musica jazz. Anche i servizi di ascolto in streaming (Spotify, Deezer, etc.) si confondono e propongono tutti i differenti lavori sotto un unico profilo artistico. Certamente, per colpa di chi “carica” i vari lavori (dipendenti delle società di servizi, case discografiche, uffici stampa etc.) 

Ed ecco che interveniamo noi, come dei super-eroi.

Questi MISTURA qui sono una formazione di musicisti jazz italiani al loro esordio discografico. Sono un quintetto e sono:  Valerio Marchetti alla chitarra, Lorenzo Fontana al sax, flauti e voce, Gabriele Manzi, al pianoforte e tastiere, Neney Santos, alle percussioni e voce e Tiziano Ribiscini, al djset, elettronica e didgeridoo. 

COSA PROPONGONO?

La presenza e la strumentazione usata dall’ultimo componente fanno già intuire la direzione musicale intrapresa dalla band. Certo, come tanti partono da alcuni riferimenti del passato del jazz, riferimenti relativamente vicini nel tempo. Essi traggono ispirazione da artisti quali Miles Davis, John Coltrane, Wayne Shorter ed Herbie Hancock in quanto esploratori di nuovi mondi, capaci di rimescolare le carte in tavola. Ecco che così, i nostri MISTURA, provano a fondere i linguaggi del jazz con la musica elettronica e con quant’altro le nuove tecnologie possano offrire.  

Con questa nostra premessa, divertitevi ad ascoltarli, divertitevi a scoprire i legami e le novità che propongono. Se vi fà piacere, condividete con noi le vostre considerazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *