Post-puntata del 19 aprile 2018

Post-puntata del 19 aprile 2018 #91: TERZO TEMPO

Terzo Tempo: il post puntata del 19 aprile 2018

Post-puntata del 19 aprile 2018  in formato diverso dalle solite volte. Non apriamo riprendendo un argomento tematico legato alla presentazione. Questa settimana le anticipazioni c’è le siamo … giocate. 

Non fà niente, tanto nessuno ci fà caso  e quando ci fanno caso non leggono, ormai leggere è una perdita di tempo. A te che hai iniziato a leggere ti diciamo grazie. Due volte grazie se finirai 😀 

Potremo evitare di inserire il solito link di rimando alla presentazione ma… lo lasciamo per… bellezza!

T'incuriosisce leggere la presentazione della puntata?

Siamo nel pieno delle attività legate al “Jazz Appreciation Month” e all’International Jazz Day. Noi promuoviamo il jazz tutto l’anno ma ci siamo attivati lo stesso per un pò di iniziative in merito. Non è questo, però, il momento per raccontarvi del nostro #JazzDay

Anche questa settimana, prima di entrare nel classico schema di TERZO TEMPO, cogliamo l’occasione per farvi notare il nuovo servizio gratuito che stiamo sperimentando con il nostro host provider, Altervista: Notifiche push. Cliccando su questo tasto potete attivarle per alcune delle nostre rubriche.

[push_notification_signin]  

  1. Il podcast
  2. La lista dei brani proposti
  3. Il mini commento su alcuni album
  4. Il commento alla TOP JAZZ ALBUM

Il podcast

Ecco il player settimanale, automatico da pc, per l’ascolto del podcast. Buon Ascolto!

La Playlist

TitoloArtista/GruppoAlbum
ChickenMike Clark, Delbert BumpRetro Report
Party People (feat. Jeff Lorber)Adam Hawley, Jeff LorberDouble Vision
When We AreNubya GarciaWhen We Are
BeatriceMark Gross+ Strings
Blues to BluesAngiolo Tarocchi Jazz OrchestraUnwired
BoomerangÉA Project, Martin Guimbellot, Stephan Moutot, Yoann Loustalot, Fred Pasqua, Simon ChivallonLe combat des loups
Great RiverGene Jackson, Gabriel Guerrero, Carlo De RosaPower of Love
The Quiet OnesRomain Pilon, Seamus BlakeCopper
Don’t Say Goodnight (It’s Time For Love)Indra Rios-MooreCarry My Heart

Nella playlist della puntata

Ci piace segnalare ed evidenziare:

Angiolo Tarocchi Jazz Orchestra - Unwired (Selfmade -2017)

Questo è un disco pubblicato lo scorso anno e che ha avuto un importante successo di pubblico in tutto il mondo, in particolare negli States. La dimostrazione di ciò che scriviamo si conclama nella sua partecipazione alla fase finale degli Independent Music Awards a New York il 30 marzo di quest'anno.

Certo non siamo i primi a scrivere qualcosa su questo disco, parlando dell’Italia, e forse non saremo nemmeno gli ultimi. La certezza, però, e che lo stesso autore rimane deluso della scarsa visibilità offerta dai media nostrani. A ragion veduta, aggiungiamo noi. 

Angiolo Tarocchi, però, non si abbatte, è una persona gioviale e socievole. In una prima ora di telefonata ci ha riempito di notizie, curiosità e spunti che lo sfondamento di una diga porterebbe meno materiale a valle. Ora, però , non parliamo della nostra piacevole telefonata.

Unwired è il titolo dell’album pubblicato nel 2017 e che propone delle orchestrazioni tipiche delle big band e ad un livello strastosferico. Angiolo è una persona di grande cultura è di raffinato senso estetico, capace di imprimere alla sua musica un magnetismo unico. Atmosfere modali con grandi spazi aperti all’improvvisazione,  amore per le composizioni e un impronta classica sul tema portante sono le caratteristiche di Unwired. Unwired è un album non radiofonico, senza canzonette di due minuti, ma di 4 capolavori più un incisione alternativa di “Skydream”, brano particolarmente amato dallo stesso compositore e direttore d’orchestra. 

Nelle esecuzioni sono presenti 15 elementi, 15 bravissimi musicisti, tutti dell’hinterland milanese. Un disco a chilometro zero, come ama dire Tarocchi. Un disco in cui i solisti esprimono così bene la loro intesa che i singoli brani sembrano i perfetti missaggi del miglior dj di questo mondo (n.d.r.: messaggio occulto per le nuove generazioni). 

Uno sguardo alla TOP JAZZ ALBUM della settimana

Questa settimana vi raccontiamo di una novità che i più attenti tra voi hanno già notato. La novità non è legata agli album presenti nella lista, quelli sono tanti in questa occasione. D’altronde vi avevamo informato di tante nuove uscite discografiche, già nello scorso appuntamento di TERZO TEMPO.

La novità è che abbiamo deciso di rendere la classifica più interattiva legandola all’espressione dei vostri gradimenti musicali.

Abbiamo raggruppato, graficamente e visivamente, i due gruppi che vanno dalla 10.ma alla 4.a posizione. Le posizioni dalla 3.a alla 1.a non saranno definite e saranno svelate la settimana successiva in base, anche, all’espressione di gradimento da voi indicata attraverso un apposito sistema di voto.

Ma forse è più semplice andare a vederla che spiegarla. Questa settimana evitiamo i soliti commenti sulle nuove entrate, le uscite e gli spostamenti interni e cliccate direttamente sulla TOP JAZZ ALBUM. Che vinca il… più gradito. 

Per questa settimana è tutto, ci fermiamo qui.

Attivate le notifiche per il prossimo appuntamento di TERZO TEMPO e non mancate di esserci. Bye, bye!!!

Post-puntata del 19 aprile 2018

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: