Malcolm Strachan - Point Of No Return

Point Of No Return – Malcolm Strachan

L’album “Point of No Return” del trombettista scozzese Malcolm Strachan è il suo secondo lavoro solista su Haggis Records, seguito del debutto di “About Time” del marzo 2020, che ha ricevuto grandi elogi critici e un forte supporto radio in tutto il mondo.

Ancora una volta, Malcolm offre un album di musica originale scritta da lui stesso e con materiale che copre una vasta gamma di stili jazz.

Malcolm Strachan

Se il primo album faceva un leggero cenno al jazz classico, tipico della Blue Note Records degli anni ’60 e ’70, questo è più simile agli album di fusion jazz che il suo idolo della tromba jazz – Freddie Hubbard – ha registrato per la leggendaria etichetta CTI Records, negli anni ’70. È lo stesso tipo di jazz basato su quei groove in cui i battiti soul e funk sono al cuore dell’arrangiamento, con ritmi solidi che consentono a parti di tromba e improvvisazioni complesse di fluttuare facilmente sopra di essi. La riproduzione dell’ensemble è forte e i soli di tromba del leader dimostrano perché è stato uno dei musicisti di sessione più richiesti del Regno Unito negli ultimi 20 anni.

Strachan ha registrato e suonato dal vivo con artisti come Mark Ronson, Amy Winehouse, Corinne Bailey Rae, Jamiroquai, Martha Reeves and The Vandellas, Jess Glynne, The Craig Charles Fantasy Funk Band, Black Honey, The New Mastersounds, Abstract Orchestra e il leggendario sassofonista jazz di Blue Note Records Lou Donaldson. Naturalmente, è anche un fondatore e membro attuale dei re del funk del Regno Unito: The Haggis Horns.

The Band

La band di base di Point Of No Return sono musicisti che Malcolm conosce, e con cui lavora da oltre vent’anni.

Spesso, con alcuni, ha suonato nei The Haggis Horns e molti di loro hanno partecipato al primo album. Quei musicisti che tornano a suonare con lui sono: Atholl Ransome (sassofono tenore/flauto), George Cooper (piano), Danny Barley (trombone), Courtny Tomas (contrabbasso) e Erroll Rollins (batteria).

I nuovi arrivati questa volta sono il percussionista Sam Bell, ospite di lunga data dei The Haggis Horns, e la speciale ospite vocale la cantante jazz Jo Harrop, britannica. La Harrop aggiunge una voce alla Flora Purim in alcune tracce.

Tre tracce presentano archi, arrangiati da Phil Steel, con tutti gli archi suonati da Richard Curran. Una delle tracce è la bellissima e commovente ballata per archi e tromba “The Last Goodbye”, che potrebbe facilmente essere tratta da una colonna sonora cinematografica e in cui Malcolm scava in profondità nella sua passione per le ballate jazz nel suo solo.

Point of no Return

“Point Of No Return” di Malcolm Strachan sarà sicuramente di gradimento per gli amanti del jazz acustico contemporaneo, con una sensazione classica. Per coloro che amano la musica della Blue Note Records e della CTI Records. Per coloro che amano i trombettisti Freddie Hubbard, Donald Byrd, Lee Morgan, Art Farmer e Miles Davis. Senza dubbio, sarà uno dei migliori rilasci jazz del Regno Unito del 2023.

In generale, Point of No Return è un album che si distingue per la sua eccezionale qualità e la sua capacità di unire elementi di diverse correnti jazz. Malcolm Strachan e la sua band riescono a creare un’atmosfera unica, che riesce ad appassionare gli ascoltatori e a farli immergere completamente nella musica. La scelta degli artisti ospiti è azzeccatissima e conferisce all’album un tocco di originalità in più.

Point of No Return è un album che dovrebbe essere ascoltato da tutti gli appassionati di jazz, ma anche da chi vuole scoprire nuove sonorità e nuove emozioni.

Track List

Titolo con codice IRSC:

  1. Nossa Danca – UKB632200011
  2. Soul Trip – UKB632200012
  3. The Wanderer – UKB632200013
  4. The Last Goodbye – UKB632200014
  5. Elaine – UKB632200015
  6. Cut To The Chase – UKB632200016
  7. Maybe Next Time – UKB63220001

Tutte tracce composte da Malcolm Strachan

Data di pubblicazione: 27 gennaio 2023

Malcolm Strachan - Point Of No Return
Malcolm Strachan – Point Of No Return

Commenta