One flower left

One flower left: nuovo progetto Filibusta Records

One flower left è un nuovo progetto di ensemble della Filibusta Records.

Il nuovo gruppo ha esordito con un singolo dal titolo “Last Breath of Summer” che è stato pubblicato il 26 marzo. Il singolo anticipa l’uscita del disco che avverrà tra pochi mesi e della quale l’etichetta discografica mantiene ancora il massimo riserbo. Di certo sappiamo che molto presto usciranno altri due singoli e poi la pubblicazione definitiva dell’album.

La band si presenta sotto forma di quartetto. Il fulcro è la figura di Alessandra Patrucco alla voce e all’elettronica, nonché alla composizione e all’arrangiamento di tutti i brani dell’album.

La band è completata da Angelo Conto, piano ed elettronica, Luca Curcio, contrabbasso e basso elettrico, e Nicholas Remondino, batteria, oggetti ed elettronica.

La musica energica ed elegante si muove tra influenze jazz, che ritroviamo soprattutto nella voce della vocalist, l’elettronica, il pop e le atmosfere dance. Il brano d’esordio, accattivante e dinamico, è un vero e proprio mix artistico in cui ritroviamo linguaggi e stili che si mescolano alla perfezione. Last Breath of Summer nasce da un sentimento di gioia e gratitudine per le piccole cose della vita che portano ad un irrefrenabile desiderio di ballare.

L’esordio è interessante, siamo ottimisti sul prosieguo, ma attendiamo l’intero disco per un giudizio definitivo. Leggendo la biografia artistica della Patrucco, ci aspettiamo molto di più.

Last-breath-of-summer
Last breath of summer: singolo d’esordio

Breve bio

Alessandra Patrucco è cantante, scrive musica e testi ed è attiva sulla scena europea. Essa ha un linguaggio personale in cui confluiscono jazz, pop, musica elettronica e tradizione popolare.

Ha pubblicato tre album: Circus (ICP 045, Tondist 2006), Varda la luna/Sasa’ (Nota 2006), Majin/Dindun (2013). La Patrucco ha collaborato con diversi artisti: Pierre Favre (Zurigo), ICP orchestra (Amsterdam), Villa Sonora, gruppo vincitore del Jur Naessens Music Award 2007 (Amsterdam), con il musicista londinese Nitin Shawney al Festival Marsatack (Marseille).

Ha tenuto concerti, tra gli altri, per il Festival Internazionale del Libro di Torino- Lingua Madre, Europa Cantat XVIII, Festival Premio Nazionale Musica Popolare di Loano con il suo trio Dindun, Festival OperaEstate (Bassano) e Festival Short Theatre (Roma), per la Mostra Sonora i Visual (Barcellona) e Museruole/Women in experimental music (Bolzano) con il suo progetto Ramat de so, per il Festival Lem (Barcellona), Dispositivo Campo Magnetico (Barcellona) e MITO educational Festival Internazionale della Musica (Torino), per il Teatro Stabile di Torino con lo spettacolo Admurese, per il Tremplin Jazz Festival (Avignone), e due edizioni del Torino jazz festival con il suo quartetto.

One flower left
One flower left

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: