Liberation Time-John McLaughlin

Liberation Time, il nuovo album di John McLauglin

Liberation Time è il nuovo lavoro compositivo di John Mclaughlin la cui pubblicazione è indicata per il 16 luglio, in formato vinile e CD, e per il 23 in digitale.

Attraverso innumerevoli ensemble, centinaia di composizioni e migliaia di esibizioni, l’ampio viaggio musicale di John McLaughlin è guidato da un’instancabile ricerca della trascendenza: un’instancabile comprensione dell’estasi spirituale che rende irrilevanti i tradizionali confini terreni. Per più di cinquant’anni, McLaughlin ha messo in campo la sua impareggiabile tecnica chitarristica, i doni compositivi e l’immaginazione al servizio di una vocazione superiore profondamente personale, forgiando una vasta eredità senza pari nella musica improvvisata.

Per fortuna, il suo viaggio non è completo.

John McLaughlin

Mentre il mondo vacillava per il blocco globale indotto dal virus, McLaughlin rifletteva sia sui pericoli che sul potenziale di questo momento impegnativo.

Nell’autunno del 2020, McLaughlin ha iniziato a lavorare su Liberation Time come “risposta diretta” (sue parole) alle restrizioni imposte dalla diffusione di Covid-19. Caratterizzato sia dalla gioia che dalla riflessione, Liberation Time vede McLaughlin sfruttare le sue frustrazioni e reindirizzare quell’energia. “Il risultato”, spiega in una candida nota di copertina, “è stata un’esplosione di musica nella mia mente”.

Insolito per i recenti progetti di McLaughlin, Liberation Time non è il lavoro di un gruppo fisso. Con la vicinanza fisica non più un prerequisito, McLaughlin ha attinto a decenni di esperienza come bandleader per selezionare i musicisti più adatti a ciascuna composizione.

“Questa è una scelta che può essere fatta correttamente solo se sai come suonano i musicisti”, spiega. “Non solo quanto bene suonano tecnicamente, ma come giocano in modo intuitivo. Solo così potrai prendere le decisioni giuste”.

La creazione di performance avvincenti e dinamiche da collaboratori isolati in tutto il mondo ha richiesto a McLaughlin di attingere ai suoi anni di esperienza come produttore, artista discografico e bandleader per impostare parametri che avrebbero stimolato l’ispirazione.

“Ho una certa esperienza suonando batteria, piano e basso”, dice, “quindi non è difficile per me creare una sessione che non solo dia la struttura melodicamente, ritmicamente e armonicamente, insieme all’atmosfera del pezzo. Lo preparo e lo mando ai musicisti, dando delle linee molto ampie del pezzo, e chiedo loro di essere se stessi nelle loro improvvisazioni e nel modo in cui accompagnano i temi. Diversi pezzi mi sono tornati trasformati, e quindi avrei registrato nuovamente la mia parte in risposta”.

Liberation Time: le tracce

“As the Spirit Sings” introduce l’album contrastando la vorticosa tensione ritmica (alimentata dal batterista Vinnie Colaiuta e dal bassista Sam Burgess) con le svettanti figure di chitarra di McLaughlin, il tutto sostenuto dal sottile ed espansivo pianoforte di Gary Husband. Mentre ogni musicista ha registrato la sua parte nei rispettivi luoghi, la reattività degli artisti non è offuscata dalla distanza.

Figure nodose post-bop formano la base di “Right Here, Right Now, Right On”, una delle esibizioni più influenzate dal jazz che McLaughlin abbia mai realizzato, con Nicolas Viccaro (batteria), Jerome Regard (basso), Julian Siegel (sassofono tenore) e Oz Ezzeldin (pianoforte). Mentre la sua musa lo ha guidato lungo molte strade stilistiche nel corso della sua carriera, McLaughlin è pronto a citare le sue radici nel jazz come elemento fondamentale del suo approccio ai giorni nostri.

“Siamo tutti musicisti jazz”, dice di se stesso e dei suoi colleghi in Liberation Time, “e c’è molto amore tra i musicisti jazz. Tutti i musicisti che ho invitato ad esibirsi con me sanno che non ci sarà solo un gioco collettivo, ma avranno la possibilità di esprimere spontaneamente la propria individualità. Questa è la grande caratteristica del jazz”.

Quando si parla di cameratismo, è impossibile ignorare la profonda fratellanza che esiste tra i membri di 4th Dimension. 4th Dimension è l’attuale ensemble di McLaughlin, che include Husband insieme a Etienne Mbappe (basso) e Ranjit Barot (batteria). Sono presenti nel soul “Lockdown Blues”, un giocoso blues pubblicato per la prima volta la scorsa estate a beneficio della Jazz Foundation of America.

The 4th Dimension: John Mclaughlin, chitarra – Ranjit Barot, batteria – Etienne Mbappe , basso – Gary Husband, piano (seduto)

Mentre gran parte del Liberation Blues si crogiola nel tipo di interazione spontanea che è stata negata dalle restrizioni di Covid, alcuni dei momenti più toccanti dell’album vedono McLaughlin da solo al pianoforte.

In piano solo

Mclaughlin non ha registrato su piano dalla sua collaborazione, del 1973, con Carlos Santana in “Love Devotion Surrender”. Sebbene brevi, i due soli per pianoforte di McLaughlin, “Mila Repa” e “Shade of Blue”, non sono affatto incompleti.

“Nella mia mente, i due pezzi su cui suono il pianoforte sono come due brevi poesie musicali”, dice. “Sono molto affezionato alla forma di poesia Haiku — che è poesia ‘distillata’ — ed è così che vedo questi due pezzi. Ci sono poche note e molto spazio, come nel genere di poesia che mi piace. Li includo per portare una sensazione particolare nella mente dell’ascoltatore.”

Con le campagne di vaccinazione in piena attività e un domani più promettente in vista, la title track di Liberation Time può essere percepita come un’anticipazione viscerale: uno sguardo travolgente in un futuro sconfinato ricco di possibilità. Con il basso di Sam Burgess al centro, il taglio culmina in un’emozionante conversazione tra McLaughlin e il compagno di band di lunga data Gary Husband, che si sente sia al piano che alla batteria. Alla fine basso e pianoforte abbandonano, scatenando un avvincente dialogo chitarra/batteria reso ancora più sorprendente dal fatto che nessuno degli interpreti è stato in grado di stabilire un contatto visivo l’uno con l’altro.

Liberation Time è un prodotto dei suoi tempi, eppure guarda sia avanti che indietro, attingendo allo stesso tempo ai ricordi dei migliori giorni del passato e, tuttavia, cercando una nuova alba. Se le innovazioni ritmiche e le complessità dei progetti passati di McLaughlin come Mahavishnu Orchestra e Shakti hanno dimostrato qualcosa, è che John McLaughlin sembra il tempo stesso: flessibile e aperto all’interpretazione. E se il tempo non è una barriera ai suoi impulsi creativi, perché dovrebbe esserlo la distanza? Ripensando alle sessioni transcontinentali che hanno portato a Liberation Time, McLaughlin conclude:

“La cosa meravigliosa della musica è che metti le cuffie e siamo tutti nella stessa stanza”.

John McLaughlin

Tracklist:

As the Spirit Sings 05:21

Singing our Secrets 05:05

Lockdown Blues 07:13

Mila Repa 02:28

Right Here, Right Now, Right On 07:22

Shade of Blue 01:37

Liberation Time 07:49

Personale:

John McLaughlin Guitar / Guitar synth / Piano
Roger Rossignol Piano
Ranjit Barot Drums / Konokol
Jean Michel. ‘Kiki’ Aublette Drums / Bass
Vinnie Colaiuta Drums
Nicolas Viccaro Drums
Julian Siegel Tenor Sax
Etienne MBappe Bass
Gary Husband Drums / Piano
Sam Burgess Bass
Jerome Regard Bass
Oz Ezzeldin Piano

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: