Home » History Channel » Gli Standard del Jazz » What Is This Thing Called Love? (Cole Porter – 1930)

What Is This Thing Called Love? (Cole Porter – 1930)

Gli Standard del Jazz: What Is This Thing Called Love? (1930)

Words and Music: Cole Porter

La Storia, le curiosità e le origini

Elsie Carlisle era una popolare cantante inglese del secondo decennio del secolo scorso. A lei fu affidato il compito di presentare il 27 marzo 1929, al London Pavillion, What is This Thing Called Love?- Che cosa è questa cosa chiamata Amore?, per la prima volta. La canzone venne eseguita come parte di una rivista musicale, “Wake up and Dream”, con musiche e parole di Cole Porter su una storia dell’autore John Hastings Turner.

Immagine autografata di Elsie Carlisle

“Wake up and Dream” comprendeva oltre una dozzina di canzoni di Porter, tra cui “Let’s Do It, Let’s Fall in Love” presentata l’anno precedente a Broadway nel musical “Paris”.

Oltre a Elsie Carlisle, la rivista ha come protagonista una giovane Jessie Matthews (diventata, poi, una delle principali scenografe di musical britannici e star della tv), suo marito e manager Sonnie Hale e la ballerina Tilly Losch. Lo spettacolo fu replicato per 263 volte, nella sola Londra.

Negli Stati Uniti venne rappresentata a Broadway a partire dal 30 dicembre 1929. Wake up and Dream ottenne delle recensioni miste portandola alla chiusura dopo sole 136 rappresentazioni. Lo spettacolo si teneva al Selwyn Theatre ed aveva come interpreti Jessie Matthews, Jack Buchanan e Tilly Losch.   What is This Thing Called Love? veniva interpretata dalla cantante Frances Shelly.

What Is This Thing Called Love

Pavillion Theatre, Vista da Piccadilly Circus fine ‘800 – Londra

Nelle Classifiche

L’orchestra di Leo Reisman, con Lew Conrad come vocalist, fu la prima formazione a portare in una classifica discografica What is This Thing Called Love?. Il 15 febbraio 1930, 11 mesi dopo la sua prima presentazione, la canzone entrava nella quinta posizione della classifica.

Altri ingressi nelle classifiche di What is This Thing Called Love? furono realizzate da:

 Ben Bernie e la sua orchestra (1930, # 10)

Fred Rich e la sua orchestra (1930, # 19)

Artie Shaw e la sua orchestra (1939, # 15)

Tommy Dorsey e la sua orchestra (Connie Haines, voce, 1942, # 13)

Les Paul (chitarra elettrica, 1948, # 11)

Cole Porter affermò che  What is This Thing Called Love?, con le sue importanti innovazioni tecniche, fu ispirata da una danza di origine marocchina. In una biografia di Cole, scritta da Robert Kimball e Brendan Gill, il testo della canzone è posto affianco ad una foto di Tilly Losch e Tony Birkmayer in una posa di danza. Un terzo personaggio, William Cavanagh, è abbigliato con un costume di un idolo africano. Questo abbigliamento esotico e la drammatizzazione della scena sembrano avvalorare la presunta origine della composizione.

Le Versioni

Normalmente, di What is This Thing Called Love?, viene preferito l’ascolto in versioni dal ritmo veloce e, su tutte, si distingue quella di Clifford Brown con il quintetto di Max Roach e la presenza di Sonny Rollins (At Basin Street).  Sarah Vaughan, nel frattempo, offre la versione vocale definitiva del brano (Sarah Vaughan’s Finest Hour), mostrando sia la sintonia che il suo potenziale per l’improvvisazione.

James P. Johnson, il re dello “Stride-piano” le cui radici erano nel ragtime della generazione precedente, raccoglie la sfida nel 1930. La sua interpretazione è in piano-solo con un tempo medio.

Il clarinetto di Sidney Bechet, con la sua Orchestra, la fissano in una registrazione del 1941 con un tempo, quasi, da ballata. La loro interpretazione è una meravigliosa e rilassante performance impreziosita dal grande trombettista Charlie Shavers .

La progressione armonica del brano è alla base di parecchie composizioni jazz, tra le quali spiccano:

Hot House di Tadd Dameron;

Barry’s Bop di Fats Navarro;

Subconscious-Lee di Lee Konitz;

Fifth House di John Coltrane;

Wham Bam Thank You Ma’am di Charles Mingus.

Al Cinema

Il titolo “Wake up and Dream” fu utilizzato, successivamente, in almeno tre pellicole cinematografiche (1934, 1942, 1947) ma non avevano nulla a che fare, oltre al titolo, con la rivista di Cole Porter.

What Is This Thing Called Love? è stata inclusa in questi film:

You’re a Lucky Fellow, Mr. Smith (1943)

The More the Merrier (1943)

Night and Day (1946, Cole Porter biography, Ginny Simms, vocal)

Young Man with a Horn (1950)

Starlift (1951)

The Eddie Duchin Story (1956)

New York Stories (1989)

The Russia House (1991)

Husbands and Wives (1992)

De-Lovely (2004, Lemar, vocal)

Infamous (2005, Gwyneth Palthrow, vocal). 

Ascolta & Canta

I was a humdrum person
Leading a life apart
When love flew in through my window wide
And quickened my hum-drum heart
Love flew in through my window
I was so happy then
But after love had stayed a little while
Love flew out again
What is this thing called love?
This funny thing called love?
Just who can solve its mystery?
Why should it make a fool of me?
I saw you there one wonderful day
You took my heart and threw it away
That’s why I ask the Lord in Heaven above
What is this thing called love?
You gave me days of sunshine
You gave me nights of cheer
You made my life an enchanted dream
‘Til somebody else came near
Somebody else came near you
I felt the winter’s chill
And now I sit and wonder night and day
Why I love you still?

Ero una persona umile
Che conduce una vita separata
Quando l’amore volò attraverso la mia finestra ampia
E accelera il mio cuore del tamburo
L’amore volò attraverso la mia finestra

Sono stato così felice allora
Ma dopo che l’amore era rimasto un po ‘
L’amore volò di nuovo
Che cos’è questa cosa chiamata amore?
Questa cosa divertente ha chiamato amore?
Chi può risolvere il suo mistero?
Perché dovrebbe fare uno stupido di me?
Vi ho visto una bella giornata
Hai preso il mio cuore e l’hai buttato via
Ecco perchè chiedo al Signore in cielo sopra
Che cos’è questa cosa chiamata amore?
Mi hai dato giorni di sole
Mi hai dato notti di allegria
Hai reso la mia vita un sogno incantato
«Per qualcun altro è venuto vicino
Qualcun altro è venuto vicino a te
Ho sentito il freddo invernale
E adesso mi siedo e mi domando notte e giorno
Perché ti amo ancora?

Rispondi