The Stuff is Here - Pepper and The Jellies
Home » New Releases » The Stuff is Here – Pepper and The Jellies

The Stuff is Here – Pepper and The Jellies

The Stuff is Here – Pepper and The Jellies (Alman Music/Cose Sonore – 2019)

Data attesa per il rilascio (Expected release date):  ————

Data rilascio in streaming (Release date on streaming): 15 novembre 2019

The Stuff is Here è il nuovo disco del quartetto dei Pepper and The Jellies.

Il nuovo album di PEPPER AND THE JELLIES è il terzo della loro carriera artistica ed è dedicato al jazz tradizionale, al blues e allo swing impreziosito dalla presenza di due tracce inedite e dalla partecipazione straordinaria del trombonista Mauro Ottolini.

Ottolini lo possiamo ascoltare anche nell’inedito You’ll never Know. L’altro inedito, ma senza special guest, è Before I met you.

Il quartetto vanta un sound particolare e riconoscibile grazie alla versatilità dei musicisti (Marco Galiffa alla chitarra, Emiliano Macrini al contrabbasso e Andrea Galiffa alla batteria).
 
Il quarto elemento è una… quarta.  Ilenia Appicciafuoco e la voce del gruppo, la suonatrice del washboard, e, sopratutto, l’autrice dei due inediti.

“Un’autentica e vibrante interpretazione del jazz tradizionale… Se chiudi gli occhi e ascolti cantare Ilenia Appicciafuoco pensi di essere negli anni 30”.

Così la rivista inglese The Jazz Rag Magazine e il direttore artistico del Birmingham jazz festival, Jim Simpson, descrissero il sound di Pepper and The Jellies nel 2015, a un anno dalla nascita di questo quartetto tutto italiano.
 
Dopo essersi esibiti in numerosissime rassegne e festival italiani ed esteri i Pepper and The Jellies presentano THE STUFF IS HERE.
 
L’album è un omaggio alla musica degli anni ’20 e ’30, al blues e allo swing di quel particolare periodo della storia americana. A good man is hard to find è del 1917, mentre Comes Love è la più recente, del 1939. Bisogna, quindi, registrare un lavoro di base altrettanto impegnativo quanto quello dell’arrangiamento e incisione.  
 
Jazz tradizionale sì, ma reinterpretato secondo una personale visione, da sempre lontana da ogni imitazione, da parte di musicisti che non dimenticano né di vivere nel presente né le proprie origini. Non a caso, la grafica del box ci riporta alla semplicità e alla provincialità italiana.
 
La musica è garbata e gradevole con la voce di Ilenia che… accende il fuoco, sia per sensualità che per quella rabbia che caratterizzavano le blues-singer di quel periodo. Chi conosce la storia, sapete a cosa ci riferiamo.
Ascoltatelo e poi… riascoltatelo, fino al suo acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *