la puntata del 12 ottobre 2023

La puntata del 12 ottobre 2023 #280

Ecco a voi la puntata del 12 ottobre 2023, la numero 280, della versione radiofonica di Jazz in Family. La 9.a edizione di questo programma nato per la radio e che potete ascoltare su quante hanno deciso di trasmetterlo.

1.
Il player della puntata

la puntata del 12 ottobre 2023

Audio Player
Ascolta ora
Listen now


2.
La playlist

#Titolo BranoArtisti-Album
1Menshiki’s BluesMaterical – Materical
2Universal MessageGianluca Petrella, Cosmic Reinassance, – Universal Message
3Two things of goldTwo Things Of Gold – Two Things Of Gold
4Desk of LoveSergio Casabianca – De Visu
5Groove it in your bagVitantonio Gasparro – Introducing
6E penso a teMafalda Minnozzi – Natural Impression
7StrummerIvano Icardi – Unconventional
8GouvyClaudio Giambruno – Overseas
9Stasera che seraFour Season Band – Ci vuole un po’ di swing
10Happy EndGiuseppe Millaci & Vogue Trio – Double Portrait

Iscriviti alla nostra Newsletter

Assicurati di non perdere nessuno dei nostri articoli.

Garantiamo la tua privacy. I tuoi dati non saranno condivisi. Unisciti a 823 altri iscritti.

3.
Breve commento

Dopo la puntata della scorsa settimana riprendiamo anche a scrivere, ascoltare e parlare di jazz italiano. Quest’anno come avevamo annunciato nella nostra introduzione alla IX edizione, gli appuntamenti dedicati alla musica nostrana raddoppiano. Tra i nostri impegni, c’è un momento riservato alle ultime novità e un altro che ci guiderà attraverso un “cammino” contemporaneo delle produzioni discografiche degli ultimi anni. Oggi, ci concentriamo sulle più recenti produzioni del jazz italiano.

Ma oltre a questa esplorazione musicale, intendiamo approfondire una riflessione iniziata la scorsa settimana: il jazz come specchio della storia e delle dinamiche umane nel nostro contesto attuale.

Tutto già scritto

Una riflessione comune tra gli esseri umani è quella di credere che “tutto sia già stato scritto”. Se dovessimo accettare passivamente questa prospettiva, sorge spontanea una domanda: perché ci sforziamo tanto di fare, di competere, persino di comporre nuove opere musicali? La risposta potrebbe trovarsi nel mezzo di questa dialettica.

In un mondo dove tutto è già stato scritto possediamo la libertà di poter spingere oltre l’esistenza dell’umanità – attraverso piccoli gesti, piccole cose, quale potrebbe essere una sequenza di note musicali “leggermente” modificate in un modo o nell’altro per esprimere sensazioni, emozioni, o raccontare una storia che diventa unica e originale.

I dischi di questa settimana ci parlano tanto della nostra cultura e delle dinamiche sociali che la plasmano

Alcuni artisti, come Mafalda Minnozzi e la Four Season Band, sembrano catturare l’aspirazione della società a cercare conforto e fuga dalle preoccupazioni della vita in un comodo divano imbottito. Vale la pena notare che questa osservazione non è una critica al valore del lavoro discografico.

Qualche altro disco, invece, sembra offrirci solo il desiderio di personalizzare un oggetto già esistente e gradito dall’autore. Un altro esempio, lasciare la famiglia d’origine ma andando ad abitare nell’appartamento a fianco. In questa fascia potrebbero rientrare i dischi di Giambruno, Gasparro, Casabianca, Icardi e Millaci.

Azzardano di più i dischi di Petrella, Two Things of Gold e, su tutti, quello dei Materical, ma sembra comunque un rimanere a vivere nel quartiere.

Insomma, niente che spacca completamente con il pensare che “tutto e già stato scritto” ma giusto quel tanto che ci permette di parafrasare quello che è stato scritto.

Jazz: chiamata all’azione?

Tuttavia, il jazz, per sua natura, può ribattere all’idea che “tutto è già stato scritto”. Con la sua capacità intrinseca di adattamento e improvvisazione, il jazz rappresenta una fonte inesauribile di creatività e speranza. Come sottolineato nella scorsa edizione, il jazz è una chiamata all’azione, un invito a essere testimoni attivi della nostra epoca e a contribuire al cambiamento positivo attraverso la musica e l’arte.

Arriviamo dunque a porci una domanda cruciale: Se il jazz italiano, e forse non solo esso, è questo è perché davvero “tutto è già stato scritto”? O forse l’umanità ha bisogno di una pausa di riflessione, un momento per contemplare il potenziale infinito dell’arte e della creatività nell’epoca moderna?

Una riflessione profonda ci attende…

#CiMettiamoPassione

Supportaci

Sostieni il nostro impegno, leggi e commenta i nostri articoli, dai uno sguardo alle proposte commerciali, unisciti ai nostri canali social.

Condividete questo articolo sui vostri canali social. Fate ascoltare del jazz ai vostri amici.

BUON ASCOLTO & SIATE GRANDI!!!

Ogni riproduzione è vietata senza citare la nostra fonte: Jazz in Family

Lascia un tuo commento

Scopri di più da Jazz in Family

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading