I can see home from here - Luca Alemanno
Home » New Releases » I can see home from here – Luca Alemanno

I can see home from here – Luca Alemanno

I can see home from here – Luca Alemanno (Workin’ Label – 2019)

Data attesa per il rilascio (Expected release date):  9 ottobre 2019

Data rilascio in streaming (Release date on streaming): 9 ottobre 2019

I can see home from here è il titolo del disco d’esordio del contrabbassista e compositore leccese Luca Alemanno.

Alemanno vive negli States, tra New York e Los Angeles, da almeno 4 anni. Proprio lì’, nel 2016, ha iniziato a dar vita alle composizioni incluse in questo suo primo disco. Egli ha colto le varie esperienze ed emozioni raccolte negli States, unendole a quanto sperimentato in altre città del mondo in cui è stato. 

L’esperienza formativa italiana si è concretizzata tra i Conservatori di Lecce, per il contrabbasso, e di Salerno, per il basso elettrico – con Dario Deidda. Trasferendosi all’estero ha avuto modo di incontrare e suonare con alcuni dei più famosi musicisti al mondo. Due di essi, in particolare, hanno detto di lui:

“Il controllo tecnico, la precisione e la facilità che Luca possiede sul suo strumento sono impressionanti. Con la sua musica, riesce a creare nuove direzioni dove la Tradizione del Jazz diventa un trampolino.” Herbie Hancock

 

“La musica che scrive Luca è Arte allo stato puro.
E’ poetica ed ha uno sguardo rivolto al futuro” Jerry Bergonzi

Le composizioni

Le composizioni del disco sono 8 di cui 7 originali. Apre il lavoro discografico la traccia intitolata One of a Kind, bella e ricca di grande energia. Come primo ascolto, però vi consigliamo l’unico classico qui contenuto: Stardust eseguito solo in contrabbasso. Ascolterete una pulizia nell’esecuzione, ed una perfezione, che vi permetterà di comprendere subito le capacità di Luca – e che i complimenti di Hancock e Bergonzi non sono comprati. Riportiamo per condivisione d’idea quanto scritto nel comunicato stampa:

Nella musica riecheggiano armonie proprie dei compositori contemporanei e della “Seconda scuola di Vienna,” miste a ritmi e “groove” propri della cultura afroamericana, il tutto amalgamato da melodie che condividono l’identità della scena contemporanea newyorkese e del lirismo Italiano.

La Band

Completiamo il tutto presentando il gruppo che accompagna Luca, un gruppo proveniente da tutte le latitudini geografiche del globo: Miguel Zenon (Nominations ad 8 Grammy Awards ) al sax alto (Porto Rico), Jon Hatamiya al trombone (USA), Simon Moullier al vibrafono (Francia), Isaac Wilson al piano (USA) e Jongkuk Kim alla batteria (Corea del Sud). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *