Bakithi Kumalo - What You Hear Is What You See

Bakithi Kumalo – What You Hear Is What You See

What You Hear Is What You See è il nuovo album di Bakithi Kumalo in uscita mondiale annunciata per il 22 ottobre.

Il basso di Bakithi Kumalo può essere trovato nel cuore e nell’anima delle più moderne canzoni che hanno plasmato il nostro senso della musica e della cultura come la conosciamo.

Classificato tra i primi 50 bassisti al mondo da Bass Player Magazine, Bakithi Kumalo è un polistrumentista vincitore di cinque Grammy Award. Nato nella cittadina di Soweto a Johannesburg, in Sudafrica e circondato da parenti che amavano la musica e si esibivano attivamente, Kumalo ha ottenuto il suo primo lavoro all’età di sette anni sostituendo il bassista di suo zio. Kumalo ha lavorato come turnista in Sud Africa durante gli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, diventando infine un bassista di punta e accompagnando artisti internazionali durante i loro tour sudafricani.

Nel 1985, Kumalo è stato presentato a Paul Simon dal produttore Hendrick Lebone durante le sessioni di registrazione dell’album Graceland di Simon. Kumalo ha poi viaggiato con Simon a New York per finire l’album e partecipare al tour di accompagnamento.

Ha trascorso diversi anni a fare il pendolare tra Soweto e New York City prima di stabilirsi definitivamente negli Stati Uniti.

Kumalo è andato regolarmente in tournée con Simon durante la sua carriera e ha registrato e suonato insieme a molti altri artisti come Joan Baez, Cyndi Lauper, Hugh Masekela, Herbie Hancock, Tedeschi Trucks Band, Randy Brecker, Grover Washington Jr., Mickey Hart e nel Re Leone della Disney’s.

Kumalo ha pubblicato diversi album come artista solista e più di recente ha lavorato al fianco del produttore Maxfeld Gast e Militia Hill nella creazione del suo prossimo album What You Hear Is What You See, presentato con Ropeadope.

Bakithi Kumalo parla dell’album


Bakithi Kumalo parla dell'album e nella foto abbraccia il suo basso elettrico
Bakithi Kumalo e il suo basso elettrico

Il mio nuovo album, What You Hear Is What You See , è un momento a tutto tondo. Sono venuto dal Sud Africa 35 anni fa, e ora vivo negli Stati Uniti per gran parte della mia vita, e scrivere questo album sta completando un intero ciclo per me. Lo adoro, e ne sono molto orgoglioso. È ispirato dal mio viaggio dal Sud Africa. La mia vita era praticamente da senzatetto quando ho iniziato. Stavo con tutti (ridacchia), i miei amici, e cercavo di capire come suonare insieme.  

Un paio di anni fa, stavo facendo questi tour e viaggiavo in giro per il mondo. In alcuni dei posti in cui abbiamo viaggiato, avremmo avuto 2 o 3 giorni liberi, quindi mi sarei mescolato con la gente del posto, e sarei andato alla lavanderia a gettoni a cercare cibo, e avrei dato dei vestiti ai senzatetto, e avrei parlato con loro chiedendo perchè sono per strada? Quindi mi raccontavano le loro storie, e io riportavo quelle storie in hotel, e iniziavo a creare pezzi pensando a queste persone. Mentre creo, scopro che la loro situazione è la stessa della mia. 

Questo album parla del mio viaggio dal Sud Africa e del viaggio di tutti ogni giorno. Si tratta di connettersi ed è stato creato per aiutare le persone a ricordare di vivere il momento e ad andare avanti. Ogni giorno è un regalo, quindi aprilo e guarda cosa c’è dentro! Mi piace essere nel momento, godermi una bella giornata, una bella passeggiata con la natura e creare. Inoltre, creare è molto più facile quando c’è una storia, un viaggio. Questo è quello che faccio ogni giorno, questo è il mio viaggio. Quindi guardati intorno, quello che senti è quello che vedi! 

Fai un viaggio, fai una passeggiata nel deserto, ascolta l’acqua pacifica e vai ad ascoltarla! Più ascolti, più la tua immaginazione ti porterà in luoghi sempre più profondi. Questo è tutto per NOI! Divertirsi!  


World… in… Music

Chi si attende un disco di musica tribale africana dovrà ricredersi e resterà stupito dai fraseggi tra i diversi componenti della band. Le diversità melodiche e ritmiche rendono inclassificabile l’intero lavoro che, pur toccando momenti di jazz o hip-hop, lo fanno annoverare tra quei lavori impossibili da non piacere a tutti.

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: