Stax - Max Stadtfeld

Stax – Max Stadtfeld

Stax – Max Stadtfeld (Act Music – 2019)

Data attesa per il rilascio (Expected release date):  26 aprile 2019

Data rilascio in streaming (Release date on streaming): 26 aprile 2019

Quanto ti è piaciuto?

Clicca sulle stelle per dare il tuo voto!

Se hai trovato questo post utile...

Seguici sui social media!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Non avviene solo nei film che i Maestri aiutino in modo speciale quegli allievi particolarmente promettenti. Nella vita reale, ad esempio, è successo a Max Stadtfeld, giovane batterista, attualmente 26enne, allievo di Michael Wollny all’Università di Dramma e Musica di Lipsia. Wollny ha scelto il giovane Max per un esperienza che lo ha aiutato a formarsi e a permettergli, ora, di tirare su una propria formazione ed incidere, dopo alcuni concerti live, il loro primo disco.

 Stax (si pronuncia schtaks, una versione breve in forma libera del nome di Max Stadtfeld), questo il titolo del disco, nasce da un quartetto costruito sull’asse Lipsia – Colonia, in un arco temporale di circa due anni tra prove e concerti. Né fanno parte:

Matthew Halpin,

al sax tenore, un irlandese che vive a Colonia e che ha studiato a Berklee;

Bertram Burkert,

alla chitarra, un’altra giovane, e tanto attesa, promessa. Di lui si dice che ha “inalato” bene la musica di John Scofield   ma ciò che “espira” è qualcosa di diverso. Il modo in cui queste frasi estese si intrecciano con quelle di Matthew Halpin è semplicemente una festa per le orecchie;

Reza Askari,

al contrabbasso.  Reza fornisce una base solida e possente agli altri musicisti, sia grazie alla sua formazione curriculare scolastica sia per l’esperienza sul campo fatta, tra gli altri, con Lee Konitz e con diverse partecipazioni discografiche.

Il disco contiene dieci tracce di cui ben otto sono a firma dello stesso Stadtfeld. Le altre due sono degli standard classici, Beguin The Beguine (di Cole Porter) e The Jungle Book Overture (di George Bruns). La loro musica non è solo un esibizionismo intellettuale, e orientata al ritmo ed, oltre a questo, è intrisa di un sorprendente senso di freschezza e maturità.

Insieme danno una nuova speranza a questo vecchio mondo: non ci sono solo giovani in grado di fare click e swoosh su uno schermo di uno smartphone.

Concludiamo con una precisazione. Da più parti trovate come anno di pubblicazione il 2012, questo è errato. Infatti, dopo aver incrociato varie fonti, nella biografia, presente sul sito personale, di Maximilian vi è scritto, tradotto, “Nel 2019 dovrebbe uscire il debutto dell’album della band di Max “Stax””, più chiaro di così…  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *